Blog: http://statidiagitazione.ilcannocchiale.it

Perché di ogni storia ricordi solo la sua conclusione

La novità.
La verità fa male.
Ora la scrivo.
Sono oppresso dalla quantità.  
Mi ha così tanto dilatato ciò che è essenziale che non riesco più a individuarlo.
Sono nel turbine di un uragano numerico fatto di file, nomi, donne, contatti, numeri, tasse, attimi.
Eppure sto fermo con le mani dietro la schiena a farmi trascinare da esso.
Non parlo neppure. Non so più dire no.
Parlare è sinonimo di rimandare.
Cercare è sinonimo di smarrirsi.
Fermarsi è sinonimo di errore.
Ascoltare è sinonimo di anticipare.
L’amore non lo inganni.
Angolazioni diverse, per carità, ma la giostra che ci vede di fronte  non è impazzita, siamo noi che non riusciamo neanche a controllare la banalità di un giro.
Non riusciamo a fissarci se non ci fermiamo.
Non riusciamo a sorridere se non ci cerchiamo.
Non riusciamo ad amarci se non ci parliamo.
Non riusciamo a viverci se non ci ascoltiamo.
Non so cos’è un emozione.
Ma so cosa non è.
Un emozione non è l’idea di un emozione.
Lo so.
Ti tradirò.
A meno chè il desiderio non ci migliorerà.

FInchèLOroMENtirannoAmore

Buonanotte



Pubblicato il 24/6/2010 alle 1.18 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web