Blog: http://statidiagitazione.ilcannocchiale.it

...e scopri subito se hai vinto

Allungo le braccia che provano ingorde a lambire il tuo volto

Lo spazio che le separa da te è freddo e silenzioso

Non avverto neanche la minima espressione umana

Insaziabile il vuoto, muovo l’aria e accarezzo l’angoscia

Cadono le mie lacrime nei tuoi pensieri

Annegano nel mare lontano della tua ragione

senza forza di tornare a galla e aggrapparsi ai tuoi occhi

per salvare dal caos l’irraggiungibile

L’amore ha delle lacune camuffate nel bene

Si adegua all’universo per apparire autentico,          

si svela sbagliato per rimpiangersi sincero

e solo al giungere della notte, trova le domande che era meglio farsi prima

Così si rannicchia nella musica, tra il buon vino

e nelle chiacchiere stanche con gli amici più sinceri
auspicando speranze e illusioni per un domani che ripeterà ieri

Pubblicato il 17/2/2009 alle 23.6 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web